Nápoles, Spalletti: “Lamento la parada de Osimhen”

NAPOLI SPALLETTI- Il Napoli è al lavoro alla vigilia della gara contro lo Spezia, in programma domani alle ore 15:00.

Nápoles, Spalletti: “Lamento la parada de Osimhen”

Il mister del Napoli, Luciano Spalletti, ha svolto la conferenza stampa alla vigilia della gara di domani, contro lo Spezia. Il mister ex Roma, ha parlato della gara contro il Liverpool e dello stop di Osimhen. Ecco di seguito, le parole dell’allenatore degli Azzurri:

Sulla gara contro il Liverpool:

“Il Napoli visto col Liverpool, con quel coraggio, io me lo aspetto sempre. Le prossime partite ce lo diranno. Vogliamo seminare un carattere per andare a raccogliere un destino. Domani è l’occasione perfetta per dimostrare che noi siamo sempre quelli visti mercoledì contro il Liverpool”.

En forma:

Possibile cambio e Ndombele mezzala? L’ipotesi è 4-2-3-1 anche se c’è Zielinski o Elmas e fare 4-3-3 anche se c’è Raspadori e Simeone. Si tratta di un passaggio, poi il sistema si modifica. Raspadori da trequartista o il centrocampista che fa il trequartista o l’esterno, non cambia molto ecco. Ndombele ha fatto mezzala e mediano basso, gli si possono chiedere entrambe le cose e ora sta molto meglio, è dentro il gruppo, scherza coi compagni, accetta con piacere le decisioni, fa vedere questa bastonata in porta che ha, il guardare dritto per dritto, è bravo a fare le imbucate”.

Sul turnover:

Bisogna portare a casa questa vittoria, poi altri ragionamenti si faranno dopo. Io non voglio buttare acqua sul fuoco per nascondere qualcosa, le potenzialità sono molte, mi sforzo a dire che poi ci vuole questo carattere, questa disponibilità nel cambiare il colore delle maglie dagli occhi. Se domattina quando si alzano vedono ancora rosso è sbagliato, loro avranno le maglie bianche ed un atteggiamento differente, quindi servirà la qualità nell’adattamento alla partita ed al clima che sicuramente sarà diverso, quel clima è difficile da ritrovarlo, in due anni io non l’avevo mai visto. Sarà il nostro atteggiamento a fare la differenza. Domani è un’occasione perfetta per dimostrare che vogliamo essere sempre quelli, è domani. Si parla di costruire una costanza di rendimento, è domani”.

Su Piotr Zielinski:

Lui, Lobotka e Anguissa hanno fatto una grande partita, il centrocampo deve gestire 70/80% delle situazioni di gioco. Sono stati bravissimi come recupero palla e qualità di palleggio. Su Zielinski non ho mai avuto grandi dubbi, il calciatore è facilmente riconoscibile per le qualità che ha, gli ha fatto bene ciò che abbiamo detto in ritiro, che gli avremmo ritagliato un ruolo differente, 10 metri più indietro e senza giocare di spalle. Lui si immagina differente, ma poi alla fine è uguale perché riceve comunque palla addosso, ma così ha più raggio d’azione ecco. Ha questo inserimento, questa corsa lunga costante e poi è uno che con la porta ha una certa confidenza”.

 

Fortunato Condinno

Lea también

What do you think?

Milán, Pioli: “Es hora de Origi, sobre Rebic…”

Turín, Gazzetta: “Granada por el derrumbe del Inter en Milán”